Mese: Novembre 2018

Parole Ghiotte al Festival di Internazionale

parole ghiotte festival internazionale

Ogni anno il Festival di Internazionale riserva sorprese e novità; entri in una sala a caso perchè piove e ti trovi di fronte un dibattito interessantissimo, su temi anche distanti dalla tua sensibilità ma trattati sempre in maniera competente e coinvolgente.

Ci è successo in questa ultima edizione con l’incontro Parole Ghiotte, Ogni ricetta, ogni spezia, ogni sapore è una chiave per raccontare le persone e le culture. 

Abbiamo conosciuto così tre scrittrici interessantissime che hanno raccontato la loro vita e le loro culture attraverso la cucina: Anya von Bremzen, scrittrice russa trapiantata negli Stati Uniti, Olia Hercules, cuoca e scrittrice ucraina, e Rachel Roddy , contributor del Guardian, inglese trapiantata in Italia. I loro racconti ci hanno appassionato così tanto che non abbiamo potuto fare a meno, appena usciti, di acquistare i loro libri!

Le letture sono iniziate da L’arte della cucina sovietica, il libro in cui Anya von Bremzen racconta la storia della sua vita e della sua emigrazione attraverso i cibi tradizionali russi. Il risultato è un libro che fa venir fame e voglia di assaggiare il borscht e l’insalata Olivier, ma che racconta anche una russia pre-perestrojka fatta di tessere annonarie, di mercato nero e di cene sontuose nonostante tutto.

Il secondo libro atterrato nella libreria è stato Mamushka, 100 ricette dall’Ucraina e dintorni, di Olia Hercules. Ricette e non solo per scoprire una terra e una cucina sconosciuta dalle nostre parti: conoscete un ristorante Ucraino in Italia? Io no, quindi non vedo l’ora di iniziare a mettere le mani su qualche ricetta o di assaggiare direttamente un bel khachapuri (nell’attesa di vedere tradotto in italiano anche il nuovo libro di Olia Hercules, Kaukasis).

Di Rachel Roddy invece ancora non abbiamo trovato edizione italiane dei suoi libri Five quarters e Two kitchens, nel frattempo però ci godiamo direttamente la sua rubrica sulle pagine del Guardian, sperando di incontrarla ancora e di sentirla ancora raccontare con passione la cucina romana.