paesi baschi in bicicletta

Nei paesi baschi in bicicletta sulle tracce di Aramburu

Immergersi nella Patria di Aramburu vuol dire fare un viaggio nei Paesi Baschi spaccati dall’Eta, attraversare con le parole 40 anni di storia e sedersi in un bar sul Paseo de Miraconcha a Donostia a mangiare churros.
Ma vuol dire anche esplorare in bici dietro al Txato la Navarra, seguendo il corso del fiume Oria e arrivando al confine con la Francia.

Nel 2015, senza sapere niente di Patria e di Aramburu, abbiamo attraversato i Paesi Baschi in bicicletta, partendo da Morcenx (nelle lande francesi, già meta di altri giri in bici) e arrivando a San Sebastian, tornando indietro per la sperduta Navarra.


Due anni dopo, leggendo il bellissimo libro di Aramburu (leggetelo il prima possibile, prima che esca la serie di Netflix! Immaginatevi il Txato e Bittori, e Joxian e Miren prima di vederli sullo schermo!) mi sono ritrovata a guardare le foto fatte dalla bici lungo quelle strade, cercando di scoprire quali dei luoghi visitati e quali tra i tanti paesini attraversati erano quelli dove sono ambientate le vicende di Patria.

Paesi baschi in bicicletta - Oronoz

 

Nella realtà i luoghi di Patria sono tutti e nessuno, perché nel racconto i luoghi sono ben descritti e allo stesso tempo fumosi, e così puoi trovarti a ricordare con precisione uno dei luoghi dove Joxe Mari si nasconde nella sua latitanza, e a immaginare che quel fiume lungo il quale è stato trovato il cadavere di un indipendentista sia lo stesso che hai percorso in bici sulla via verde del Bidasoa, la ciclovia ricavata dalla linea ferroviaria del Bidasoa, costruita nel 1898 per collegare Irún con le miniere di Endarlatsa, dove i salmoni risalgono e si riproducono  (giuro, qui trovate anche la foto del salmone!).

Ed è strano pensare che quei paesaggi verdi e aspri, quei paesini isolati, tranquilli e solitari siano stati territori di attentati e lotte intestine, dove l’ideale di patria ha diviso le famiglie e segnato la storia. Il paesaggio, la natura, se ne rimangono indifferenti mentre intorno scorrono le tragedie umane. Così nonostante più di 200 chilometri percorsi tra la costa basca e i verdi paesaggi dei Pirenei, né un segno, né una lapide ci hanno mostrato le tracce della lotta e degli avvenimenti raccontati nel libro. O forse allora non avevamo i mezzi per riconoscere i segni di quel periodo.

Per questo nella lettura del libro andare a ricostruire i luoghi degli avvenimenti e individuare il paese dove vivono i protagonisti, è diventata un’ossessione. Ho esplorato a fondo la mappa, leggendo nomi di strade, cercando la Arrano Taberna e il portone del Txato, ma le mie ipotesi non sembravano trovare nessun riscontro.

Alla fine, dopo la seconda lettura del libro, spulciando qua e là sono arrivata a questo illuminante articolo di El Mundo che racconta di Hernani, un paese a 10 chilometri da San Sebastian, patria di 14 dei terroristi dell’Eta che sono ancora in carcere e di sette delle sue vittime, della famiglia di Quintanilla che dovette andare a San Sebastian dopo l’omicidio del padre e di Imanol Miner Villanueva, del comando Gaua, che ammise di aver ucciso un suo vicino di casa. Insomma tutto sembra confermare l’ambientazione, anche i commenti all’articolo, che raccontano di un paese silenzioso, che ancora cura le ferite di anni di terrorismo casalingo.

1 comment on “Nei paesi baschi in bicicletta sulle tracce di Aramburu

  1. Pingback: Liste di libri, letture e infografiche: la ferrovia sotterranea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi